Sanificazione monterotondo

messa in sicurezza dei locali

La sanificazione si compone di quattro fasi. La prima è la semplice pulizia e detersione, che consiste nella rimozione dello sporco solido/liquido e dello sporco inorganico. In quest’ultimo caso si intendono principalmente i residui di calcare. Vengono applicati detergenti di varia natura a seconda del tipo di sporco che è necessario affrontare. La seconda fase consiste nel semplice risciacquo, il quale però deve essere " disinfezione” (che non va confusa con la disinfestazione). In questo caso, si utilizzano agenti chimici in grado di purificare l’aria e le superfici, dunque di rimuovere in modo efficace gli agenti patogeni. Si elimina, quindi, tutto ciò che, di invisibile, rappresenta una minaccia per la salute delle persone. Tale attività coinvolge organismi specifici come batteri, funghi e virus. Lo scopo ultimo della sanificazione Monterotondo, quindi, è l’abbattimento della carica batterica presente in un locale.



La quarta fase, il risciacquo finale, punta a ripristinare la vivibilità dell’ambiente e di renderlo pienamente utilizzabile. La sanificazione Monterotondo viene richiesta soprattutto dai responsabili di esercizi commerciali come ristoranti e alberghi, per i quali la salubrità dell’aria e la totale pulizia dei locali rappresentano necessità di tipo strutturale (soprattutto nelle cucine e nelle dispense). L’impresa in questo caso segue fedelmente la normativa HACCP, finalizzata a garantire la sicurezza delle persone dal punto di vista sanitario. L’impresa si distingue dalla concorrenza per l’utilizzo di macchinari in grado di emettere vapore saturo surriscaldato a 180 gradi, il quale viene potenziato da una soluzione sanificante atossica e non irritante. Lo scopo di tale attrezzatura è l’eradicazione della carica batterica, dei funghi e dei virus sulle superfici, sugli oggetti e sui tessuti. Non viene lasciata alcuna traccia di umidità o macchie di qualsiasi tipo.